Umana ko anche in Eurocup.Il Kuban di Banchi e
Kalnietis spinto dal trio Dekk,Cummings e Kulagin

MERCOLEDÌ, 9 OTTOBRE 2019

KRASNODAR, 9 ottobre 2019

 di Giuseppe Malaguti
l Lokomotiv Kuban Krasnodar, nella seconda giornata di EuroCup, batte la Reyer Venezia per 77-63. Un passo indietro per i Campioni d’Italia rispetto alle ultime partite. Venezia non è mai entrata in ritmo partita, troppo le palle perse 18, male anche al tiro dalla distanza con (con il 31% 6/19). Per Krasnodar buona prova di Dekker con i suoi 15 punti, Cummings e Kulagin 14, ma soprattutto di Williams doppia-doppia da 12+13 rimbalzi. Per Venezia, prova positiva solo di Vidmar con i suoi 9 punti.

 
Primo quarto
Il Kuban di Banchi schiera nei cinque: Cummings, Kulagin, Apic, Dekker e O’Bryant. De Raffaele replica con: De Nicolao, Tonut, Bramos, Daye e Vidmar. Dopo i primi 4 minuti di gioco il tabellone recita pari 8. I padroni di casa allungano rapidamente sul +6, (14-8) dopo un parziale complessivo di 9-0. La Reyer comincia subito a ruotare tutti gli effettivi e Udanoh appena entrato rompe il parziale dei russi. Il Kuban si affida a O’Bryant che sigla 5 punti di fila per il finale di tempo che vede avanti i padroni di casa 19-14, con gli ospiti pessimi al tiro da tre 0/5.
Secondo quarto.
ll primo canestro è firmato da Chappell, I lagunari mettono anche la prima bomba del match con Watt, (23-21) al 13’. La zona 3-2 di De Raffaele porta subito dei benefici e Austin Date porta avanti Venezia sul (25-26) al 16’. I russi però grazie alla transizione offensiva allungano grazie soprattutto a Sam Dekker sul (38-30) al 19’. Il primo tempo si chiude 38-31.
Terzo quarto
Si rientra in campo con Venezia che inizia con due palle perse in un amen; Williams piazza un 2+1 per la doppia cifra di vantaggio Lokomotiv (41-31) con Daye sanzionato del terzo fallo. La Reyer è alle corde e i russi segnano altri 4 punti con Williams e Dekker per il massimo vantaggio, (45-31) al 23’. Si sblocca Bramos con la tripla dall’angolo di Bramos, (47-39) al 26’. L’asse De Nicolao/ Vidmar ha un impatto positivo, con i campioni d’Italia che rientrano sul -3, (51-48) al 28’. Il finale è tutto dei russi con Kalnietis che piazza la bomba sulla sirena del 56-48.
Ultimo quarto.
Cummings sigla il suo 13° punto per il +10 Lokomotiv. Gli uomini di De Raffaele faticano in attacco muovendo male la palla. Arrivano 4 punti in 7 minuti insufficienti per recuperare le distanze. Krasnodar vola sul +17 (69-52) al 37’. La tripla di Tonut rompe il digiuno lagunare. L’incontro ha valenza solo, da una parte per aumentare il vantaggio e dall’altra per contenere il passivo, in vista della gara di ritorno. Finisce 77-63.


Lokomotiv Kuban Krasnodar-Reyer Venezia: 77-63
Punteggi progressivi: 19-14, 38-31, 56-48
mvp: Sam Dekker autore di 15 punti in 25 minuti di gioco, 3 assist, 3 rimbalzi e 3 stoppate.

Lokomotiv Kuban Krasnodar: Dekker 15, Cummings 14, Fridzon 5, Apic 6, Kalnietis 6, Ivlev, Ilnitskyiy, Williams 12, Kulagin 14, O’Bryant 5.
Allenatore: Banchi
Reyer Venezia: Udanoh 2, Stone 2, Bramos 5, Tonut 10, Daye 14, De Nicolao 3, Filloy 3, Vidmar 9, Chappell 4, Cerella. Watt 11.
Allenatore: De Raffaele.

 

 

 

 

 

Giuseppe Malaguti